Indietro
Guida ai prodotti per ambiente

Trattamento e cura di mobili e apparecchi in acciaio inox

Vengono denominati acciai inossidabili gli acciai al cromo nichel non magnetizzabili e gli acciai al cromo magnetizzabili con un contenuto di cromo pari almeno al 12 %.

Il motivo della resistenza alla corrosione degli acciai inossidabili è un film passivante che si forma al contatto dell'ossigeno con la superficie del metallo. Se il film passivante viene in qualche modo rovinato o la mancanza di ossigeno impedisce la sua formazione l'acciaio inox può presentare segni di corrosione. Gli acciai inossidabili non sono resistenti a composti chimici come l'acido cloridrico , l'acido solforico o la soda caustica.

Attenzione: strati di sporco pesanti contenenti cloruri o ruggine di altri componenti possono causare decolorazioni o corrosione della superficie dell'acciaio.

Regole basilari per l'utilizzo di prodotti in acciaio inox

La superficie dell'acciaio inossidabile deve essere sempre pulita e ben esposta all'aria. La corrosione può verificarsi per la mancanza di ossigeno causata da sedimenti.

La superficie dell'acciaio inox deve restare intatta. Durante l'utilizzo, la pulizia o i lavori di riparazione evitare danneggiamenti causati usando oggetti duri, in particolare metallici, composti da materiali ossidabili.

Indicazioni per la cura dell'acciaio inox ha&

La superficie dell'acciaio inox non può rimanere a lungo in contatto con normali acciai ossidabili o ferro. Se l'acciaio inossidabile entra in contatto con ferro o con acciaio normale, ad es. limatura, lana d'acciaio, residui di spazzole metalliche o acqua ferruginosa, si formano elementi chimici che causano corrosione.

Pulire immediatamente gli eventuali punti in cui compare ruggine di altri componenti con un detergente abrasivo o una carta abrasiva a grana fine. Punti più resistenti possono essere rimossi con decapaggio. Questa procedura deve essere eseguita solo da personale esperto.

Dopo ogni impiego, pulire gli apparecchi e gli elementi. Questo vale anche per i piani dei tavoli e altre parti in acciaio inossidabile. Per pulire l'acciaio inossidabile, usare solo detergenti senza cloro attivo. Evitare qualsiasi tipo di polveri abrasive e detergenti contenenti cloro o candeggianti.

Per pulire l'acciaio inox non devono essere utilizzati apparecchi per la pulizia in metallo, ma spazzole con setole in plastica o naturali, detergenti per la plastica, spugne e simili. Pulire utilizzando molta acqua. Dopo la pulizia, sciacquare abbondantemente con acqua pulita.

Assicurarsi di rimuovere completamente il detergente impiegato, anche dagli angoli e dai punti difficilmente accessibili. Infine asciugare le superfici in acciaio inox.

Anche i vapori acidi che si formano ad es. durante la pulizia di piastrelle con preparati a base di acido cloridrico possono danneggiare l'acciaio inox. Se parti in acciaio inox dovessero entrare accidentalmente in contatto con acido cloridrico o prodotti che lo contengono, sciacquarle immediatamente con abbondante acqua.

Sporco resistente (sporco umido grasso)

Lavare con detergenti sintetici usando una sostanza per lucidare o un detergente abrasivo leggero. Le parti lucidate a specchio devono essere trattate con cura, in quanto i detergenti abrasivi possono lasciare tracce di frizione e zone opache. Le superfici levigate possono essere pulite con un detergente abrasivo comunemente in commercio, in casi di sporco ostinato anche con una spugna Scotch Brite. Sfregare in direzione della levigatura.

Macchie d'acqua

I sedimenti lasciati da acqua di rubinetto evaporata non sono dannosi, ma possono rovinare l'aspetto delle superfici lucide. Se la pulizia con un comune detergente (ad es. anticalcare) non basta, le macchie spariscono sicuramente con aceto o con acido fosforico diluito. Asciugare parti lucide pulite ma ancora bagnate impedisce la formazione di macchie d'acqua.

Temperature

I piani dei tavoli in acciaio inox sono rinforzati con profili in acciaio inossidabile o con compensato. Non appoggiare sui piani dei tavoli oggetti con temperature maggiori di 100 °C.

Disinfezione

Con la parola disinfettanti si intendono sostanze adatte a combattere microrganismi patogeni. A questa categoria appartengono batteri, virus, germi, piccoli funghi e muffe. I campi d'impiego, oltre alla pelle e all'abbigliamento, sono apparecchi e stanze. I disinfettanti devono essere battericidi, fungicidi, virucidi e sporicidi, quindi microbicidi. A causa dei numerosi requisiti che devono avere i disinfettanti, sono pochi i tipi di sostanze che vengono presi in considerazione.

Devono essere usati prodotti contenuti nell'elenco della Società tedesca per igiene e microbiologia (DHGM).

I nostri migliori prodotti di questa guida all'acquisto
I più venduti
Numero articolo: 96
Visualizzazione: