Indietro
Guida ai prodotti per ambiente

La microfibra nella pulizia

Le microfibre hanno un diametro medio di ca. 5 - 7 µm e risultano spesse solo la metà delle fibre di cotone, riuscendo così a rimuovere meglio impurità, batteri, virus e germi dagli interstizi e garantendo igiene e pulizia in molti settori.

La microfibra nella pulizia 298

Foto 1: cotone

La microfibra nella pulizia 299

Foto 2: microfibra

Il panno o il mocio sono formati da più fili singoli di piccolo diametro. L'alto numero di punti di contatto tra panno e superficie e l'elevato numero di cavità e capillari della struttura della fibra permettono di raccogliere più particelle di sporco offrendo migliori risultati di pulizia.

In generale la microfibra si distingue per le sue ottime proprietà pulenti. Grazie alla struttura del panno basta usare pochissimo detergente. Questo ha conseguenze positive: ridurrai le spese e darai un contributo alla protezione dell'ambiente. Rinunciando all'utilizzo di prodotti chimici, o utilizzandoli solo limitatamente, restano solo pochi residui sulla superficie da pulire. Questo risulta ideale per le persone che soffrono di allergie. Inoltre, grazie alle buone proprietà pulenti, il tempo e la fatica impiegati dal personale saranno decisamente minori.

Questi tessuti sono anche particolarmente adatti per la pulizia a secco, poiché strofinando le microfibre creano una carica elettrostatica.